Primocanale.it – Manifesti del 25 aprile, Burlando: “E’ stata un’ingenuità”

Primocanale.it – Manifesti del 25 aprile, Burlando: “E’ stata un’ingenuità”.

Francamente non capisco il problema.

E’ stata presa una foto di partigiani per la festa della Liberazione e sono state eliminate le armi da fuoco col fotoritocco.

Ora nessuno penso abbia dubbi sul fatto che la Resistenza fosse fatta da uomini e donne armati e che, essendo stati parte di una guerra civile, il termine stesso implichi l’uso delle armi.

Il fatto che per celebrare una festa che è e deve essere di riconciliazione, come dopo ogni guerra civile, si siano eliminati gli elementi che riconducono invece alla violenza e alla crudezza della guerra, può essere stato forse un eccesso di zelo, ma di certo non una forma di subdolo revisionismo, come capziosamente vorrebbe far credere “Il Giornale”.

I partigiani usavano le armi. E facevano bene. La pace non è imbelle. Non è che se ne debba edulcorare il ricordo. Ne sono morti a centinaia, in battaglia o trucidati in esecuzioni di rappresaglia, che ogni anno, dovunque in Italia,  vengono celebrate e ricordate. I partigiani erano e sono “combattenti”.

Ritrarli armati su un manifesto del 25 aprile a distanza di oltre 60 anni sarebbe sembrato, quello si, un cattivo modo di prepararsi ad una festa che da quando c’e’ Berlusconi al potere in Italia è sempre meno di riconciliazione e sempre più fonte di polemiche e revisionismi, non ultimo quello di La Russa che si è permesso di fare dei distinguo fra partigiani rossi e bianchi, detto da uno che è nato politicamente nel partito figlio della Repubblica Sociale e fondato da uno come Almirante che ha scritto le leggi razziali.

Per tacere dei giornalisti de “Il Giornale” il cui padre e padrone non hai mai fatto pubbliche dichiarazioni di antifascismo, dicendo cose immonde come “Mussolini non ha ucciso nessono, mandava la gente in vacanza al confino” o, a domanda diretta sull’antifascismo, liquidava il tutto con: “devo lavorare e non ho tempo di pensare a queste cose“, quando invece, ogni due per tre, i valori dell’anticomunismo militante li mette in piazza. Per quelli non disdegna di sottrarre tempo al suo “lavoro”.

Continue Reading

E poi ci si stupisce dei tifosi fasci che seguono la nazionale

Ammenda di € 4.000,00 : alla Soc. LIVORNO per avere suoi sostenitori, tra il 28° ed il 40° del
secondo tempo, intonato, con intento provocatorio nei confronti della tifoseria avversaria, cori
ideologicamente connotati ed idonei a determinare un clima di violenza (art. 12 n. 3 CGS); entità
della sanzione attenuata ex art. 13 comma 1 lettere b) ed e) e comma 2 CGS per avere la Società
concretamente operato con le forze dell’ordine a fini preventivi.

La “colpa” dei tifosi del Livorno è quella di aver cantato “Bella Ciao” (no dico, Bella Ciao, la canzone della Resistenza e dei partigiani) in risposta ai cori “Duce Duce” dei tifosi del Frosinone, i quali però non sono stati multati.

Sarebbe meglio che La Russa facesse un po’ meno la vergine indignata e che la si smettesse di mettere sullo stesso piano dei cazzoni rasati che inneggiano a robe che nemmeno conoscono e la storia della sinistra italiana, per lo meno quella parlamentare e sindacale, visto che non si tratta ne di estremisti ne di persone che hanno mai torto un capello ad alcuno ma anzi, hanno pagato triburi di sangue sia alle BR che alla Mafia (e che magari non si meritano neppure l’intitolazione di un aeroporto).

Bella Ciao “coro ideologicamente connotato”. Bah.

Continue Reading

Italia (VA)

In Italia, provinica del Vaticano, succedono fatti curiosi. Ieri sera ad esempio il file “Il Codice da Vinci” ispirato all’omonimo e celeberrimo successo planetario di Dan Brown, andato in onda in prima serata su Canale 5 era *sconsigliato ai minori*, ovvero è stato mandato in onda col “bollino rosso”.
Il film però non contiene scene di sesso, ne scene di particolare cruenza o violenza. Basta vedere uno qualsiasi dei manga giapponesi in onda all’ora di pranzo e rivolti ad un pubblico di bambini per vederne 10 volte tanta.
Qual è allora, il motivo per il quale questo film è stato vietato?

Continue Reading