Voci fuori dal coro

Suor Idelfonsina dell’ordine di don Orione ha chiesto ai suoi superiori di poter fare il testamento biologico.

Pare che il motivo sia legato ad una consorella colpita da ischemia che prima di morire è rimasta tre mesi attaccata alle macchine fra indicibili sofferenze.  La religiosa ha anche dichiarato di aver fatto richiesta di poter donare gli organi.

Credo che i soloni che stanno in Vaticano dovrebbero tendere le orecchie verso una donna che ha speso 50 anni della propria esistenza in un istituto (che qui a Genova è conosciuto da tutti) dove si vive a contatto con le più penose e drammatiche vicende umane che si possano immaginare. Un mio caro amico d’infanzia ha fatto (e probabilmente fa ancora) assistenza volontaria ai pazienti “meno gravi”, quelli cioè in grado di avere un minimo di vita sociale, se pur fra mille difficoltà.

Continue Reading

Chi si loda, si imbroda

Era una vecchia filastrocca che mi diceva sempre Suor Giovanna, maestra delle elementari. Uno dei pochissimi buoni ricordi che ho della scuola privata.

Naturalmente sto parlando del “Lodo” Alfano, ex Lodo Schifani, ex Lodo Maccanico.  Prima una curiosità, che cosa significa esattamente “Lodo” in diritto? Prendo la definizione dal Garzanti on line:

s. m. (dir.) decisione emessa collegialmente e per iscritto dagli arbitri di una vertenza, che diventa esecutiva per decreto del pretore.

Io non capisco niente di diritto, ma in sostanza si tratta di un arbitrato, ossia di due parti in “conflitto” che si affidano ad un arbitro (o più arbitri) che dirimono la questione.
Immagino che in questo caso, essendo il conflitto fra Berlusconi e i giudici, ma più in generale direi fra Berlusconi e la legge e la legalità, l’arbitro dovrebbe essere il Parlamento, che fa una legge per sottrarlo per l’ennesima volta alle sue responsabilità.

Fra l’altro, surrettiziamente, è stata inserita nel decreto sicurezza anche una forma di patteggiamento “last minute” in cui l’imputato può decidere di patteggiare (e quindi ottenere uno sconto di un terzo della pena) anche 50 secondi prima della camera di consiglio. Il che, è sfuggito a molti, produrrà come risultato che il celebre processo Mills, quello da cui Berlusconi vuole sottrarsi, oltre a stralciare la posizione del nano, per effetto del Lodo, potrà avere il coimputato Mills che patteggia sul filo di lana, in modo da evitare che venga condannato con sentenza scritta per essere stato corrotto.

Per chi non avesse seguito la vicenda, la riassumo brevemente, Mills è un avvocato inglese, che ha avuto incarico di occuparsi alcune vicende per il gruppo Fininvest, il quale scrisse di suo pugno al proprio commercialista in una corrispondenza privata (certo che nessuno l’avrebbe letta oltre al professionista) di aver ricevuto 600mila dollari da Berlusconi per non inguiarlo con le proprie testimonianze nei processi che lo riguardavano. Il commercialista, obbligato ad un codice etico severissimo, denunzio’ il proprio cliente e i giudici britannici trasmisero le carte a Milano. Questo è il “teorema” persecutorio a cui è sottoposto Berlusconi dalla kattiva e komunista Gandus.

Ora, stanti così le cose, pare abbastanza scontato che il processo stia andando verso una sentenza di colpevolezza per il testimone corrotto che, unito ad una sentenza motivata e per iscritto, metterebbe nero su bianco che il signor Mills, testimone nei processi di Berlusconi, fu testimone corrotto. E dato che l’altra parte del processo, vale a dire Berlusconi, è accusato di essere corruttore, va da se che questa sentenza peserebbe come un macigno, nonostante i vari paracadute che Berlusconi si è piazzato alle spalle per giungere morbidamente all’ennesima prescrizione. (l’effetto del Lodo è di congelare i processi, ma fra 5 anni, quando riprenderanno, si dovrà quasi sicuramente rinnovare il collegio giudicante, con l’effetto che il processo riparte da zero).

Quindi la morale è: pugno duro con gli statali, pugno duro con gli zingari, pugno duro con tutti, ma Berlusconi può fare i cazzi che vuole. Anzi, adesso, come contentino a tutti quelli che scodinzolanti e fedeli gli parano il culo da 15 anni, allargherà l’immunità parlamentare anche agli altri suoi servi schiacciapulsanti.

Continue Reading