Lacrime di coccodrillo

Ieri sera ho visto Porta a Porta. Era un bel pezzo che non guardavo Vespa, ma la puntata di ieri sera meritava la mia attenzione.

Sorvolo sulla telefonata delirante dell’Egoarca e sulle sue finte manie di persecuzione. Dico “finte” perchè per essere perseguitati la conditio sine qua non è essere pure innocenti.

Silvio ha annunciato che andrà in televisione a parlare dei suoi processi. Era ora! dico io. Finalmente non sarà più solo il povero Travaglio a spiegare agli italiani di che cosa è accusato Berlusconi, in modo che si rendano conto da soli se è perseguitato oppure no. Più che altro temo che per svolgere al meglio questo esercizio metterà a tacere ogni voce critica per poter andare a pontificare da solo, senza contraddittorio, a parte il solito Sansonetto nella parte del cane da salotto che abbaia ogni tanto e ammicca parlando del Milan.

La cosa su cui mi vorrei soffermare sono le lacrime di coccodrillo di Casini, che è stato complice per anni di questo mascalzone, fino a che non è stato buttato fuori dalla Casa delle Libertà a calci nel culo, ed ora fa la parte dell’uomo rammaricato perchè “pensavo che nel corso degli anni il problema del conflitto di interessi si sarebbe andato risolvendo, invece si è aggravato”.

Ma la Cirielli l’ho votata io? Il Lodo Schifani? La Gasparri? Le rogatorie? La legge per cui i testimoni devono ripetere le deposizioni in aula altrimenti non sono valide? E si parla di 2 anni fa, mica 50.

Infine una considerazione sulla battutaccia fatta da Berlusconi a Rosy Bindi, per altro rubata a Sgarbi:  “è più bella che intelligente”.

Non che io abbia una grande passione per la Rosy, dal punto di vista politico, ma queste bassezze sono davvero squallide, tanto più da uno che va continuamente a fare il piangina in televisione a dire che lo insultano, che lo attaccano, che lo infamano e che lui invece non insulta mai nessuno.

E mai una volta che l’insetto si sogni di drizzare la schiena e fargli il culo che dovrebbe fare un giornalista di fronte alla riga di puttanate che ha detto il Presidente del Consiglio ieri sera. Prima su tutte sta giaculatoria del 70% di consenso, che però poi si traduce, quando va grassa, nel 30% dei voti (che sono già fin troppi).

Continue Reading

Silvio ha le gambe corte, come le sue balle

«Essere trombata in questo modo mi scoccia tantissimo»

[Chiara Sgarbossa – velina ritirata dalle liste del PDL dopo l’incazzatura coram populo di Veronica]

via L’ira delle veline: “Grazie, Veronica…” – LASTAMPA.it.

Riguardo le presunte “veline” all’interno delle liste del Pdl, Berlusconi afferma che “le veline sono inesistenti, è una assoluta falsità, non sono nelle liste. In ogni caso, c’è tutta la mia disapprovazione per chi connota negativamente le ragazze che per emanciparsi fanno questo lavoro” e, comunque, precisa che le liste non le ha fatte lui, in quanto era “a Varsavia a sostenere Mario Mauro per la presidenza del Parlamento europeo”.

[Silvio Berlusconi – durante Porta a Porta]

via Berlusconi a Porta a Porta: “Adfesso Parlo io”

Continue Reading

Trovare le 10 piccole differenze.

WASHINGTON – Il Presidente (Obama ndL) ha infine ringraziato – questa volta seriamente – i giornalisti per il servizio di vigilanza esercitato dai media sull’azione del governo: «Un governo senza giornali, un governo senza dei forti e attivi mezzi di comunicazione di ogni genere non è una possibilità per gli Stati Uniti d’America»

via Alla cena di beneficenza show di Obama Il presidente ha una battuta per tutti – Corriere della Sera.

ROMA – Vestito blu, cravatta a pois bianchi e un foglio bianco. Silvio Berlusconi si presenta così nello studio di Porta a Porta per la registrazione della trasmissione. Alle sue spalle un fermo immagine dal titolo emblematico: «Adesso parlo io». Tornando sulla vicenda della crisi coniugale, il premier ha spiegato che quello che è successo «non si sarebbe verificato se la stampa avesse riportato le cose correttamente». «La sinistra e la sua stampa – ha aggiunto – non riescono ad accettare la mia popolarità al 75% e, visto anche lo stato in cui la sinistra è ridotta, ha cominciato con attacchi personali fondati sulla calunnia».

via Berlusconi e il caso Veronica Lario – Corriere della Sera.

Continue Reading

Trova l’errore

Trova l’errore

“Repubblica ha fatto un titolo in cui si sottintendeva una mia frequentazione con una ragazza che compiva quel giorno 18 anni e quindi, fino a quel momento, era minorenne. E’ tutta una menzogna” (Silvio Berlusconi, presidente del Consiglio, a Rai1, Porta a Porta, 6 maggio 2009).

“Lo adoro. Gli faccio compagnia. Lui mi chiama, mi dice che ha qualche momento libero e io lo raggiungo. Resto ad ascoltarlo. Ed è questo che lui desidera da me. Poi, cantiamo assieme” (Noemi Letizia, 18 anni appena compiuti, intervista a corrieredelmezzogiorno. corriere. it, 28 aprile 2009).

“Gli ho telefonato e lo voglio dire pubblicamente perché ho apprezzato il modo leale ed equilibrato con cui ha trattato la notizia” (Silvio Berlusconi, presidente del Consiglio, fa i complimenti a Ferruccio De Bortoli, direttore del Corriere della Sera, Rai1, Porta a Porta).

via Trova l’errore – Carta Canta – Repubblica.it.

Continue Reading