Sentenze e censura

Come molti di voi sapranno di recente c’e’ stata una stentenza della Cassazione che ha fatto molto discutere. Per i pochi che non ne sapessero niente un buon riassunto con condivisibili osservazioni qui.

Aggiungo i miei cinque centesimi alla discussione. Prima di tutto io sono molto contrario ai cosidetti reati d’opinione. Questo in generale, le persone dovrebbero essere libere di dire più o meno quel che vogliono. Sono invece molto favorevole all’obbligo di rettifica o all’obbligo di pubblicare un parere avverso. Se uno scrive su un sito che sono un pedofilo o un mafioso pretendo che questo scritto venga rimosso, visto che è falso. Se invece uno scrive che sono un incapace perché ho fatto una certa belinata, pretendo che venga pubblicata anche la mia versione dei fatti. Poi, in assenza di rimozione, rettifica o pubblicazione del contraltare, sta bene pure l’azione legale. Che a quel punto non sarebbe per un’opinione, ma per un’omissione.

Punto secondo. Ci sono dei siti internet che debbono la propria fortuna ai commenti degli utenti, per esempio Tripadvisor. Se io vado in un ristorante e questo ristorante fa schifo io debbo poterlo scrivere. Se penso di aver riscontrato poca igiene debbo poterlo scrivere. Ora è vero che c’e’ un blando rischio che questa recensione sia falsa e fatta magari da un concorrente per screditarmi o come nel caso allucinante della pizzeria di Washington da  una pletora di idioti complottisti che mi vogliono danneggiare deliberatamente. Però in linea di massima si tratta di un criterio di valutazione magari non particolarmente fedele al vero, ma molto vicino all’antico “passaparola” che ci ha fatto vedere un film o andare in vacanza in una certa località o scegliere un determinato prodotto.

Vi immaginte le conseguenze nefaste di un ristoratore che può fare causa a Tripadvisor perché un utente ha scritto sul sito che “il cibo fa schifo il servizio è pessimo l’igiene scarsa e il conto salatissimo”? Per altro queste recensioni possono causare danni economici, quindi i risarcimenti possono anche essere astronomici.

Onestamente spero che il legislatore faccia chiarezza, prima che questo obbrobrio faccia giurisprudenza.

You may also like