Condannata la mitica BB per razzismo

I suoi slanci animalisti le sono costati cari. La pratica di dissanguare per sgozzamento gli animali, secondo la partica di macelleria islamica, non piaceva affatto all’anziana ex bellissima BB, da anni dedicata anima e cuore alle cause animaliste. Cosi’ ha preso carta e penna e scritto al presidente, per lamentarsene, e si e’ lasciata un po’ andare, al punto che il contenuto di quella missivia e’ servito da pretesto per una causa civile intentata dalle associazioni islamiche francesi che hanno avuto soddisfazione dal tribunale.

La cosa pero’ davvero pazzesca e’ che la frase incriminata, contenuta in una lettera mandata al presidente Sarkozy che e’ la seguente:

[i]”Ne abbiamo abbastanza di essere presi in giro da tutta questa popolazione che ci distrugge, distrugge il nostro Paese, imponendo i suoi atti”[/i]

Se dovessero condannare in Italia per frasi di questo genere, Calderoli sarebbe sul lastrico e Borghezio probabilmente all’ergastolo.

http://www.swissinfo.org/ita/rubriche/notizie_d_agenzia/mondo_brevi/Francia_condannata_la_Bardot_per_istigazione_odio_musulmani.html?siteSect=143&sid=9169778&cKey=1212502872000&ty=ti&positionT=5

Continue Reading

I nodi che vengono al pettine

Il “prestito ponte” fatto ad Alitalia per darle l’ossigeno necessario a sopravvivere un anno, in attesa di definire una improbabile cordata italiana (gia’ ho scritto dei regali al gruppo autostrade di Benetton per convincerlo a entrare), e’ stato di fatto bocciato dalla UE dopo la levata di scudi delle altre compagnie aree (che gia’ devono fare i conti con recessione e caro carburanti, ci manca solo un concorrente dopato da denaro pubblico). Il che porta inevitabilmente ad una sola conseguenza. Alitalia e’ sul ciglio di un precipizio senza fondo. E spero che non arriveremo a rimpiangere (o ad implorare di tornare) AirFrance coi suoi tagli di personale previsti da Spinetta. Non a caso Berlusconi si affretto’ a dire, di fronte alla loro fuga, che la colpa era dei sindacati (e sono sicuro che se Alitalia fallira’ i tg mediaset faranno un bel bombardamento a tappeto per dare la colpa a loro).

La tanto sventolata “tolleranza zero” con i cittadini stranieri, improvvidamente additati al pubblico ludibrio come artefici di tutte le malefatte italiane, si sta scontrando con la difficolta’ di applicare le leggi dure che sono state proposte, oltre che alla grande opposizione del mondo cattolico (oltre ai soliti komunisti).
Stabilire che un clandestino, in quanto tale, ha commesso un reato, oltre all’opportunita’, comporta non pochi problemi. Ad esempio il fatto che solo dopo l’entrata in vigore della legge chi entra clandestinamente puo’ essere incolpato e quindi occorre dimostrare che sia entrato dopo, per poterlo fare, creando un non trascurabile problema di “traffico” per li organi inquirenti. Per tacere del fatto che in un paese con l’obbligo dell’azione penale, non appena un operatore di PS venisse in contatto con un immigrato senza documenti avrebbe l’obbligo di trarlo in arresto in flagranza di reato. Considerando che si parla di 1/1,5 milioni di persone, vorrei capire dove sarebbero tenuti. E chi dovrebbe poi occuparsi di indagare su quando e come sono entrati in Italia. Non per niente Berlusconi ha fatto una robusta marcia indietro.

Infine i rifiuti a Napoli. Anche se i tg mediaset non ne parlano tutte le sere, come succedeva in campagna elettorale (ed e’ una cosa piuttosto singolare, no?) e che tempo ne e’ passato poco, mi sembra che le soluzioni adottate dal governo in carica siano del tutto identiche a quelle del governo passato. Aprire in fretta e furia delle discariche, dando un sacco di botte ai cittadini che provano a frapporsi.

Come sempre, parlare dall’opposizione e’ comodo ed indolore. Tradurre poi le chiacchiere in fatti, e’ ben piu’ dura.

Continue Reading

Il Karma del Nano

Come se non bastasse essere abbonati a figure di merda planetarie, il nostro amato Nano non si fa mancare nemmeno una smisurata dose di sfiga. Sembra il protagonista di una puntata di X Files il quale, baciato in vita da una fortuna sfacciata, era diventato una specie di Re Mida al contrario, chiunque avesse a che fare con lui, subiva disgrazie sesquipedali.
Quindi, dopo il solito esordio elettolare con annessa alluvvione in Piemonte (a sto giro speravo che essendo fine Aprile la stagione fosse finita), i temi su cui si sono concentrati sono stati i rifiuti di Napoli e il tema energetico, puntando secchi sulle centrali nucleari che “a parte il problema delle scorire, che risolveremo, sono sicure”. Ed ecco, puntuale come un treno ticinese, un allarme nucleare che non si vedeva dai tempi della fuga di gas in Giappone.

Speriamo che Garrone lo inviti alla presentazione della Sampdoria.

http://www.repubblica.it/2008/06/sezioni/esteri/nucleare-slovenia/rischi-impianto/rischi-impianto.html

Continue Reading

Alitalia alla canna del gas

Secondo l’AEA (Association of European Airlines [url]http://www.aea.be/[/url]) lo scorso mese la nostra compagnia di bandiera ha avuto un crollo di passeggeri del 26%.

Se, come sembra, verra’ bocciato il prestito ponte dalla UE, difficilmente la nostra compagnia di bandiera superera’ l’Estate. Cosi’ invece che un numero (magari anche consistente) di dipendenti a pardere il lavoro, lo perderanno tutti. Per tacere dell’indotto.

Ghe pensi mi! (vero Silvio?).

Continue Reading

La strada nel palazzo

I giapponesi per certe cose sono davvero insuperabili.
Nella foto linkata c’e’ un palazzo che si trovava nel bel mezzo del tracciato che la societa’ che costruisce la tangenziale di Osaka voleva sfruttare per un raccordo.
Problema risolto alla svelta, la societa’ si e’ comprata 3 piani e ci ha fatto un bel buco per far passare lo svincolo.
Guardare per credere.

Buon governo – L’estinto

Continue Reading

Garantgiustizialismo

Un altro spiacevole deja vu del Cainano al governo. Come al primo giro, dopo aver randellato durissimo al G8 contro komunisti e straccioni assortiti, difendendo a spada tratta le vergogne della polizia, inizio’ la fase delle leggi e leggine vergogna, il Lodo Schifani, il decreto salva-Previti e cosi’ via. Insomma, pugno duro coi morti di fame e salvacondotti per gli amici degli amici.
Anche a sto giro, siamo daccapo. Zingari e negri fuori dai coglioni (ma guai a dire che sono leggi razziste) salvo poi levarsi dalle balle la seccatura delle intercettazioni, vorrai mica rifare delle figure di merda interplanetarie come quando Berlusconi chiama Sacca’ dicendogli di assumere come attrici le amanti dei senatori dell’opposizione per fare cadere il governo…..

http://fr.youtube.com/watch?v=u3r2Vy2iofY

Continue Reading

Pari opportunita’

Estratto di un’intervista della sexi-ministra:

A proposito di famiglie, che ne pensa di unioni di fatto e matrimoni gay?

“Sono contraria”

Ma non e’ il ministro delle pari opportunita’?

“Io non ho pregiudizi, ma non possono pretendere di essere famiglie”.

Perche’?

“L’idea di famiglia viene da una [b][u] tradizione religiosa [/b][/u] – e io ho fede anche se cerco di essere laica come ministro – viene dalla costituzione, dal diritto civile e naturale: e’ composta da un uomo e una donna che si uniscono per dare vita a figli per proseguire la specie”.

Questa e’ ahinoi l’Italietta a laicta’ limitata di oggi. E se nemmeno una ministra donna, giovane e che proviene da un modo brulicante di omosessualita’ come quello dello spettacolo riesce a vedere piu’ in la del suo naso, stiamo freschi.

Continue Reading

Giovanni Ladonea Parascandola

Di professione appuntato dei carbinieri.
Io, per chi mi conosce, ho sempre avuto tutt’altro che un buon rapporto con le forze dell’ordine.

Pero’ ogni tanto va dato atto che in mezzo a tanti esaltati e coglioni, c’e’ anche qualche diamante grezzo come quest’uomo, che non solo ha puntualmente messo per iscritto ogni cosa succedeva nella famigerata discarica di Villaricca, ma proprio per questo motivo ha subito l’ostracismo dei suoi superiori e delle alte gerarchie del commissariato ai rifiuti, allora, come ora, presieduto da Bertolaso.

Messo da un parte, mandato a fare il piantone come una recluta, nelle sue ore libere, partito con penna e macchinetta fotografica, ha continuato a documentare i rischi ambientali e di sicurezza che comportava mandare avanti quel potenziale “Vajont” per voce degli stessi protagonisti.

In un paese normale, l’appuntato Parascandola, sarebbe gia’ generale di brigata, mentre Bertolaso e i suoi sodali, probabilmente inibiti a svolgere ulteriori funzioni pubbliche.

In un paese normale.

Continue Reading