Emilio, Augusto dove siete?

Palermo assediata dai rifiuti decisa la chiusura delle scuole

via Palermo assediata dai rifiuti decisa la chiusura delle scuole – cronaca – Repubblica.it.

Qualche mese fa, in piena campagna elettorale, non si vedeva altro che la “rumenta” di Napoli. Giustamente dico io. Lo scempio vergognoso di una città magnifica, soffocata dalla spazzatura per l’ingavia dei suoi pessimi amministratori. La Iervolino, Bassolino & C.

Berlusconi arrivò col cavallo bianco “ghe pensi mi”, fu più un’operazione mediatica che sostanziale, ma di fatto qualche risultato (anche buono) l’ha portato, per lo meno il centro di Napoli è tornato ad essere il centro di una città europea e non di una favela sudamericana.

Ovviamente quello fu argomento di punta per i neonati pidiellini e per i loro media di riferimento. Fede dedicava la metà di ogni edizione del suo “telegiornale” a far vedere cumuli di pattume con sopra in bella mostra dei cartelli con su scritto “Bassolino merda” o “Iervolino tr**a”. (gli asterischi giusto per non finire in qualche pattern di ricerca con google).

Ora, tanto per dire che ammasso di servi siano i giornalisti italiani, e non parlo tanto di Fede che è uno scendiletto professionista e non fa niente per nasconderlo, da nessuna parte *nessuna* mostrano nemmeno mezza immagine di Palermo e della situazione drammatica in cui si trova. La fidanzata di mio fratello è “palermitana” (virgolettato perchè in realtà lo sono i suoi genitori e lei torna giù ogni estate). E mio fratello, di persona, mi ha raccontato la situazione che ha visto coi suoi occhi e le testimonianze di chi dice che “è così da anni”.

Ora, vorrei parafrasare Fini ai tempi della situazione campana: “Io non governo a Roma, non governo la regione Campania (Sicilia), la provincia ne il comune di Napoli (Palermo), quindi anche volendo non saprei come intervenire”.

Adesso vediamo se i cuor di leone che stanno nei telegiornali, hanno il coragigo di mandarci le telecamere.

You may also like

1 Comment